Recensione del Film IL CASO SPOTLIGHT

IL CASO SPOTLIGHT

(2016 – THOMAS MCCARTHY)

La parola SPOTLIGHT significa letteralmente “riflettore” e che, oltre ad essere il nome della squadra giornalistica protagonista del film, è anche la parola chiave che descrive in modo sintetico questa pellicola vincitrice dell’Oscar come miglior film quest’anno.

Il film è ambientato nel 2001 e ha come protagonisti un gruppo di giornalisti del “Boston Globe”, appunto il team Spotlight, che conduce un’inchiesta giornalistica che porterà alla luce una scioccante verità: la chiesa cattolica è complice di abusi su minori da parte di preti pedofili nascondendone i reati e i colpevoli. Un film dalle tematiche scottanti, in molti casi attuali che coinvolge letteralmente lo spettatore senza mai lasciargli un attimo di tregua grazie ad un ritmo sempre crescente.

Una pellicola potente, cattiva, spietata e soprattutto reale nel racconto della vicenda senza mai edulcorare la narrazione. Spotlight parla del giornalismo nel vero senso della parola ma in particolare tratta di uomini coraggiosi disposti a tutto pur di far venire a galla la verità, andando anche contro uno dei dogmi più importanti ossia la religione, attaccando direttamente il sistema ecclesiastico e mettendo sotto inchiesta un sistema degenerato che, pur di mantenere intatto il suo potere, omette atti deplorevoli perpetrati da coloro che dovrebbero essere i primi a rispettare la morale cristiana. Il film ha come protagonisti dei veri e propri eroi moderni perché, grazie ai mezzi a loro disposizione (la libertà di stampa e di parola) e alla volontà di far emergere la verità, sono riusciti a portare giustizia in una società bigotta e a dare una voce alle vittime di questi atti terrificanti. Questa inchiesta giornalistica ci fa capire quanto il ruolo del giornalista sia importante, poiché fa luce su avvenimenti nascosti nell’ombra (la parola SPOTLIGHT appunto) e di come si possa fare la differenza soltanto dando sfogo alla voce di ognuno di noi.

La sceneggiatura è veramente ben scritta e i personaggi sono caratterizzati molto bene. Le interpretazioni sono veramente di ottimo livello tra cui spicca soprattutto quella di Micheal Keaton e Mark Ruffalo. La regia è di stampo molto classico, non è originale e ricercata nelle inquadrature, ma funzionale al racconto. IL CASO SPOTLIGHT è un film veramente molto coinvolgente e pieno di spunti di riflessione.

Un film freddo e cattivo che farà uscire lo spettatore soddisfatto per ciò che ha visto ma, al tempo stesso, inorridito dalla tragica vicenda che la storia narra. Non un capolavoro però è un film assolutamente necessario ai giorni nostri perché, purtroppo, questi fatti avvengono ancora.

Oscar per me meritatissimo,da non perdere. 

Recensione di Beppe Pozzi

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata